«

»

Dic 02

Ugg noira

A 15 anni Katherine lascia la scuola, senza aver imparato nè a leggere nè a scrivere: le sue passioni erano altre ed ottiene subito quello che definisce il suo lavoro ideale. E’ proprio da questa definizione che cominciamo a capire la perversione di questa donna, amante del sangue fino alla pazzia: Katherine lavorerà in un mattatoio per tutta la vita, fino al suo arresto, scuoiando e disossando animali, con una dedizione fuori dal comune,Ugg noira tanto da ricevere anche il suo personale set di coltelli da macellaio, da portare a casa.

Nonostante la sua fama di donna violenta, Katherine ebbe diversi uomini e anche una figlia; il suo ultimo uomo però scatenò quella scintilla di dissennatezza che la portò ad architettare e a mettere in atto una tragedia con tutti i crismi del caso. Nel 2000, dopo una storia altalenante, Katherine Knight uccise il suo compagno John “Pricey” Price in un modo a dir poco raccapricciante: 37 coltellate, inferte con una forza brutale, su un corpo poi scuoiato con precisione professionale e affettato in diverse parti,Ugg noira che furono messe a cuocere, insieme a verdure e sugo. Nelle intenzioni di Katherine, i figli di Price sarebbero rincasati trovando un lauto pasto ad attenderli: la tavola era apparecchiata e ogni posto era segnato con il nome dei ragazzi, mentre ogni piatto conteneva una fetta del loro padre.

Per fortuna la polizia arrivò prima dei figli, evitando così il lugubre banchetto che emulava in qualche modo quello narrato nel mito di Medea. Katherine Knight fu arrestata e condannata all’ergastolo, in una prigione dove ancora sconta la sua pena.Ugg noira Sarà mai capace di rendersi conto di ciò che ha fatto? Il confine fra cattiveria e malattia mentale, che in questo caso è così labile da non essere quasi individuabile, dove può essere posto?