«

»

Ott 16

Ugg e tuta

Tornate tranquillamente a mangiare. A poco a poco iniziate a mangiare alimenti insipidi e facili da digerire, come ad esempio cracker, toast, gelatina, banane, riso e pollo. Smettere di mangiare se vi ritorna la nausea. Per alcuni giorni evitate il latte e i prodotti lattiero – caseari, la caffeina, l’alcool, la nicotina e gli alimenti grassi o molto conditi. Considerate di assumere paracetamolo (Tachipirina® o altri) per alleviare di disagio, a meno che non abbiate una malattia al fegato. Riposate in abbondanza. La malattia e la disidratazione possono rendervi deboli e stanchi.Quando compaiono i primi sintomi di influenza intestinale è bene astenersi da qualsiasi tipo di dieta per qualche ora e lasciare riposare stomaco ed intestino; quando il vomito è completamente scomparso e la nausea, se presente, diventa più sopportabile, è possibile reintrodurre gradatamente alimenti nella dieta.

Le indicazioni prevedono di inserire inizialmente abbondanti liquidi per prevenire il pericolo di disidratazione, seguiti nei giorni successivi dal ritorno graduale ad una dieta maggiormente solida.I cibi ricchi di zuccheri semplici devono sempre essere evitati perché in grado di peggiorare la diarrea per effetto osmotico, quindi almeno inizialmente è opportuno evitare bevande dolci, succhi di frutta ed altre bibite zuccherate.Le persone possono ridurre le probabilità di essere infettate con un frequente lavaggio delle mani, la subitanea disinfezione delle superfici contaminate con detergenti domestici al cloro a base di candeggina e l’immediato lavaggio dei capi di abbigliamento sporchi. Se sospettate che il cibo o l’acqua possano essere contaminati, evitateli.

Quando ritiriamo i nostri test delle urine e scopriamo di avere una notevole concentrazione di batteri, che cosa significa? Ci dobbiamo preoccupare? In genere, quando effettuiamo il nostro check up annuale, insieme alle analisi del sangue il nostro medico ci prescrive anche il test delle urine, che ci può fornire molte indicazioni non solo sullo stato di salute delle nostre vie urinarie, ma anche l’eventuale presenza di problemi a livello intestinale o ginecologico.Tornando ai nostri batteri, che significa se nella nostra pipì c’è una bella “coltura” batterica, che in termine medico si definisce batteriuria? Verosimilmente, che siamo in presenza di qualche infezione, anche lieve, in atto. Vediamo meglio.