«

»

Set 22

Ugg a roma

“Al fine di facilitare l’azione delle forze di liberazione [sic] … dovrebbe essere fatto uno sforzo particolare per eliminare alcuni personaggi-chiave e per continuare con i disordini interni in Siria. La CIA è preparata, e l’SIS [MI6] cercherà di effettuare dei piccoli sabotaggi e dei colpi di mano [sic] in Siria, lavorando attraverso contatti con alcune persone … un necessario grado di paura e [la messa in scena] di scontri al confine forniranno il pretesto per un intervento … la CIA e l’SIS [M16] dovrebbero usare le loro capacità sia in campo psicologico che operativo per far aumentare la tensione”. Questo file risale al 1957, anche se potrebbe essere stato scritto ieri. Nel mondo imperiale nulla cambia in modo sostanziale.

L’anno scorso l’ex Ministro degli Esteri francese Roland Dumas ha rivelato che “due anni prima della primavera araba”, mentre si trovava a Londra, gli fu detto che era stata pianificata una guerra contro la Siria. Nel corso di un’intervista con il canale televisivo francese LPC egli ha detto che: “Sto per dirti una cosa importante … ero in Inghilterra due anni prima dell’inizio delle violenze in Siria, per seguire altre attività. Ho incontrato degli alti funzionari britannici, che mi confessarono che stavano preparando qualcosa in Siria … la Gran Bretagna stava organizzando un’invasione di ribelli. Mi hanno anche chiesto, anche se non ero più Ministro degli Affari Esteri, se mi sarebbe piaciuto partecipare. Questa operazione risale a molto tempo fa. Era già stata preparata, concepita e pianificata”.

Gli unici oppositori efficaci dell’ISIS sono i demoni “certificati” dell’Ovest – la Siria, l’Iran, gli Hezbollah. L’ostacolo è la Turchia, un “alleato” che è anche membro della Nato, che ha cospirato con la CIA, l’MI6 e i medievalisti del Golfo per canalizzare il sostegno ai siriani “ribelli”, compresi quelli che ora si fanno chiamare “ISIS”.Sostenere la Turchia nella sua sempiterna ambizione di predominio regionale, rovesciando il Governo di Assad, comporta una grande guerra di tipo convenzionale, e lo spaventoso smembramento dello Stato più etnicamente diversificato del Medio Oriente.